Botox, ialuronico o fili
Ecco cosa scegliere

I trattamenti di medicina estetica dedicati al ringiovanimento del volto sono innumerevoli e in questi ultimi anni vengono preferiti di gran lunga alla chirurgia vera e propria: i trattamenti di medicina estetica sono meno invasivi, meno costosi e danno un risultato molto naturale.
Di che genere di trattamenti stiamo parlando?

Nel linguaggio comune si parla in maniera generica di “puntutrine”, ma questa definizione è quanto mai riduttiva e semplicistica.

È vero comunque che questi trattamenti si basino sull’iniezione di sostanze tramite degli aghi sottilissimi, ma i tipi di sostanze usate sono assai differenti fra loro e con degli effetti ugualmente differenti.
Meglio allora parlare in maniera generica di “filler” e vediamo nello specifico quali sono le soluzioni più utilizzate e più efficaci.

Sono state ormai bandite dal Ministero della Salute le sostanze iniettabili permanenti e semi-permanenti: tutto ciò che può essere iniettabile è assorbibile e l’effetto è dunque reversibile, oltre che molto più sicuro.

Acido ialuronico


La sostanza più sicura ed efficacie nell’affrontare le problematiche della pelle legate all’invecchiamento è sicuramente l’acido ialuronico.
Tramite l’iniezione di acido ialuronico si va ad apportare tonicità e turgore laddove serve, per eliminare le rughe o rimodellare il profilo.
Ma l’acido ialuronico non è solo nemico dei segni del tempo: viene quindi utilizzato indipendentemente dall’età, anche per dare volume e turgore laddove se ne veda la necessità – esempio classico sono le labbra.
L’acido ialuronico è assolutamente compatibile poiché il nostro organismo stesso ne produce – il problema sorge dopo una certa età in cui l’organismo ne produce sempre meno – e garantisce ottimi risultati, molto naturali, della durata media di sei mesi/un anno.
Possono esserci rarissimi casi in cui l’acido ialuronico possa causare fastidi e in questi casi c’è una soluzione semplicissima, che si può adottare anche nel caso non si rimanga soddisfatti del trattamento: tramite l’enzima ialuronidasi si scioglie e si neutralizza l’acido ialuronico iniettato che viene prontamente smaltito dall’organismo.

Botox


L’iniezione della tossina botulinica resta un sistema affidabile per combattere i segni del tempo: questa sostanza agisce inibendo i muscoli della mimica facciale a beneficio delle rughe sulla fronte, dei segni verticali tra le sopracciglia e delle zampe di gallina.
Deve essere però applicata solo da professionisti espertissimi per avere la massima garanzia di sicurezza e per avere risultati veramente apprezzabili, naturali e non artefatti.
La durata media di un trattamento di Botox è di circa sei mesi.

Biostimolazione e biorivitalizzazione


Questo trattamento non ha gli effetti immediati di un vero e proprio filler, bensì consiste nell’eseguire piccole iniezioni di un cocktail di vitamine, aminoacidi, antiossidanti e acido ialuronico in una forma che si diffonde nei tessuti con lo scopo di esercitare un’azione stimolante che riattivi la microcircolazione, favorisca il ricambio cellulare e migliori la compattezza della pelle. In pratica mira a riattivare i processi vitali che in genere rallentano con l’età.
Anche questo trattamento ha la durata media di sei mesi.

Fili


Si tratta di un’innovazione nel campo della medicina estetica: non si iniettano sottopelle sostanze ma fili, che possono essere di due tipi, con funzioni diverse fra loro.
I fili rivitalizzanti hanno una superficie liscia e vengono impiantati in modo da formare una sorta di reticolo per rimpolpare i tessuti e stimolare la produzione di collagene.
I fili di trazione hanno una superficie irregolare e si agganciano ai tessuti grazie alle pressioni esercitate dal medico e servono per realizzare un vero e proprio sollevamento cutaneo.
Rispetto alle sostanze descritte precedentemente hanno bisogno di un tempo maggiore per essere riassorbiti dall’organismo ed essendo un corpo estraneo possono dare origine a reazioni di rigetto.
La durata di questi trattamenti è di circa quattro mesi per i fili rivitalizzanti e di circa due anni per quelli di trazione.

In definitiva, questi trattamenti vengono di gran lunga preferiti alla chirurgia perché sono non invasivi, di più facile applicazione poiché le sedute durano pochissimo, in media mezz’ora e hanno dei tempi di recupero molto brevi. I risultati, inoltre, sono estremamente naturali, come vuole il trend di questo momento e visibili sin da subito.

Scopri di più

Prenota ora la tua visita
Clicca per chiamare adesso
Chiama

oppure Invia la richiesta per fissare un appuntamento col Dott. Bertoloni,
verrai contattato dallo studio più vicino a te.