Differenti tipi di rughe
Come cambiano e cosa le genera

Quando si parla di bellezza uno degli argomenti più trattati è quello riguardante le rughe.
Oltre ad essere una tematica estremamente sentita – prima o poi, purtroppo, tutti si trovano a doverla affrontare – l’argomento rughe è assai vasto e vario.
Sono tanti, infatti, i differenti tipi di rughe, le modalità con cui si generano, la loro evoluzione nel tempo e, quindi, anche i trattamenti da adottare per prevenirle, contrastarle ed eliminarle.

Oggi scopriremo insieme le differenti tipologie di rughe e la loro evoluzione. Prima però dobbiamo fare una debita premessa: a causare le rughe sono dei processi degenerativi naturali, determinati per ognuno di noi da fattori intrinseci genetici e biologici, in concomitanza con fattori esterni. Se è vero che i meccanismi dell’invecchiamento cutaneo sono uguali per tutti – la perdita graduale della capacità rigenerativa della pelle, la diminuzione del tessuto adiposo sottocutaneo e l’impoverimento progressivo delle fondamenta della pelle, costituite da acido ialuronico, elastina e collagene – dobbiamo però dire che la comparsa delle rughe e la prevalenza di un tipo piuttosto che di un altro possono essere influenzati, oltre che dalla genetica contro cui poco si può fare, anche da alcuni nostri comportamenti. Consapevoli di questo, abbiamo già in mano delle armi per prevenirle e per affrontarle al meglio.
Vediamo adesso le varie tipologie di rughe, come si originano e come possono cambiare nel tempo.

• Rughe di espressione
Le rughe di espressione sono le prime a comparire, spesso anche in età non troppo avanzata, proprio a causa del meccanismo alla base della loro formazione. Sono, infatti, il frutto delle contrazioni ripetute continuamente dai muscoli facciali legate alla nostra espressività, per cui si chiamano, appunto, di espressione. Si tratta delle tipiche rughe sulla fronte, delle zampe di gallina e delle rughe fra le sopracciglia, dovute ai movimenti legati all’espressività degli occhi; allo stesso modo le rughe dell’area naso-labiale sono legate all’attività muscolare della bocca.
Se da giovanissimi si tratta solamente di segni temporanei, ad esempio, quando si sorride o si corruga la fronte, che scompaiono immediatamente, con il passare del tempo e la perdita di elasticità della pelle, questi segni si trasformano in permanenti, in vere e proprie rughe.

• Rughe attiniche
Le rughe attiniche sono la normale conseguenza del photoaging: l’esposizione ai raggi solari incontrollata danneggia la pelle irrimediabilmente, sia con macchie che con rughe precoci e dall’aspetto tipico. Le rughe attiniche, infatti, appaiono come una sorta di accentuazione della normale trama della pelle, sono molto sottili ma numerose e conferiscono alla pelle il caratteristico aspetto “a pergamena”.
Da giovani possono non essere visibili, ma, con il passare del tempo e i normali processi degenerativi del tessuto cutaneo vanno a sommarsi alle rughe che accompagnano naturalmente questi ultimi.

• Rughe da sonno
Chi non dorme in posizione supina va incontro all’insorgenza di questo tipo di rughe, che sono il frutto del contatto prolungato della pelle del viso con il tessuto che riveste il cuscino. Si possono osservare, infatti, prevalentemente sulle guance e sulla fronte. In giovane età tendono a scomparire automaticamente pochi istanti dopo il risveglio; in seguito sempre meno, fino a diventare, col tempo, permanenti.

• Rughe gravitazionali
Appartengono a quest’ultima categoria di rughe tutti quei segni direttamente collegati agli effetti della forza di gravità sui tessuti.
Con il passare del tempo la pelle perde elasticità e consistenza e avviene una specie di svuotamento causato dalla diminuzione del tessuto adiposo sottocutaneo che, da giovani si distribuisce uniformemente, mentre invecchiando diminuisce e si accumula in siti non usuali, andando a creare delle “tasche”. Queste tasche, per effetto della forza di gravità, tendono a scendere verso il basso visto che la pelle ha contemporaneamente progressivamente perso tono e capacità di “sostegno”.
Gli effetti visibili di questi cambiamenti sono le borse sotto gli occhi, le palpebre cadenti, le sopracciglia che scendono, il doppio mento, l’abbassamento degli angoli della bocca, l’accentuazione dei segni nasogenieni e la formazione delle borsette latero-mentoniere. A questi cedimenti strutturali si accompagnano anche delle caratteristiche rughe proprio laddove la pelle viene “tirata” verso il basso.


Prenota ora la tua visita
Clicca per chiamare adesso il +393488919564
Chiama

oppure Invia la richiesta per fissare un appuntamento col Dott. Bertoloni,
verrai contattato dallo studio più vicino a te.