Summer Sadness
Sai cos’è la depressione estiva?

di Michela Micheli

Per la maggior parte delle persone l’estate significa spensieratezza, vacanze, serate da trascorrere fuori con gli amici. Per molte altre persone invece la stagione estiva significa scarsa proattività, peggioramento dell’umore, irrequietezza, disturbi del sonno e peggioramento dell’umore. Tutto questo si traduce in SAD: Seasonal affective disorder o, in italiano, disturbo affettivo stagionale.

Seasonal affective disorder


Descritto della quinta edizione del Manuale Diagnostico e Statistico dei Disturbi Mentali come Disturbo Depressivo Maggiore ricorrente e stagionale, la SAD si presenta un po’ come l’antitesi del più noto “Christams blues” ovvero, quel senso di depressione che arriva in concomitanza con il periodo natalizio e ampiamente studiato.

Le cause


Secondo vari studi sarebbero le alte temperature insieme al tasso di umidità e all’esposizione del cervello alla luce solare a impattare soprattutto sul ritmo sonno-veglia e a creare ansia, panico, paura e aggressività. Da non sottovalutare anche fattori psico-sociali come la mancanza di punti di riferimento (in estate la routine viene meno, il barista che ci prepara il caffè ogni mattina può andare in ferie, altri locali chiudere), la solitudine e l’isolamento dettato da amici che partono e città che si svuotano.

Soffri di SAD?


Se ti sei riconosciuto in alcuni di questi sintomi non significa che tu soffra di SAD; potrebbe essere una condizione transitoria dovuta anche ad altri fattori. Solitamente chi è affetto da questo disturbo ha già sperimentato problematiche simili o ha episodi di depressione nella propria storia familiare.

Comunque è sempre bene rivolgersi al un professionista che per prima cosa andrà a valutare se sono presenti almeno 5 fra i seguenti sintomi

• Umore depresso per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno, come riportato dal soggetto o come osservato da altri.
• Marcata diminuzione di interesse o piacere per tutte, o quasi tutte, le attività per la maggior parte del giorno, quasi ogni giorno.
• Significativa perdita di peso, in assenza di una dieta, o significativo aumento di peso, oppure diminuzione o aumento dell’appetito quasi ogni giorno.
• Insonnia o ipersonnia quasi ogni giorno.
• Agitazione o rallentamento psicomotorio quasi ogni giorno.
• Affaticamento o mancanza di energia quasi ogni giorno.
• Sentimenti di autosvalutazione oppure sentimenti eccessivi o inappropriati di colpa quasi ogni giorno.
• Diminuzione della capacità di pensare o concentrarsi, o difficoltà a prendere decisioni, quasi ogni giorno.
• Ricorrenti pensieri di morte, ricorrente ideazione suicida senza elaborazione di piani specifici, oppure un tentativo di suicidio o l’elaborazione di un piano specifico per commettere suicidio.

Il professionista farà poi un quadro clinico completo tenendo conto anche di altri fattori e ti aiuterà nel modo più adatto alle tue esigenze specifiche.

Prenota ora la tua visita
Clicca per chiamare adesso il +393488919564
Chiama

oppure Invia la richiesta per fissare un appuntamento col Dott. Bertoloni,
verrai contattato dallo studio più vicino a te.