Parliamo di Pelle
Struttura e funzione

Nel nostro blog siamo soliti parlare sempre di bellezza e di pelle. Ma forse non abbiamo ancora mai parlato di come la pelle sia fatta, di quale sia la sua struttura, la sua funzione.
Oggi ci sembra proprio il momento giusto per farlo: parliamo di pelle.

Cos’è la pelle?



ragazza viso

La pelle, o cute, è il tessuto che riveste tutto il nostro organismo. È la nostra prima barriera di protezione dal mondo esterno.
Oltre che tessuto, la pelle è definibile anche organo, appartenente a quello che in anatomia viene chiamato “apparato tegumentario”.

È costituita da tre strati principali, ognuno composto da differenti tipi di cellule e strutture, ognuna con un compito specifico:

• l’epidermide, ossia lo strato più esterno che si trova direttamente a contatto con l'ambiente esterno;

• il derma, cioè lo strato intermedio che si trova subito sotto l'epidermide;

• l’ipoderma, o strato sottocutaneo, che è lo strato più profondo della pelle.


Le caratteristiche della pelle


La pelle è diversa in ogni essere umano e queste differenze sono quelle superficiali visibili; in più, è diversa anche nelle varie parti del corpo di una stessa persona.
La pelle ha, infatti, uno spessore che varia fra gli 0,5 mm ai 4 mm – ad esempio, la pelle della pianta dei piedi presenta uno spessore maggiore rispetto alla pelle del viso.
Le caratteristiche comuni di ogni tipo di pelle, di ogni colore e di ogni spessore, sono l’estensibilità e la resistenza: la pelle è in grado di adattarsi senza subire danni alle variazioni che si verificano in occasione di ogni trasformazione del nostro corpo – basti pensare alle fasi dello sviluppo, alle variazioni di peso, alla gravidanza.
In più, la pelle, qualsiasi pelle, si autoripara: quando subisce una lesione, è capace di ripararsi e rigenerarsi da sola.

Le funzioni della pelle


Anche le funzioni sono indipendenti dal tipo di pelle che si ha.
La pelle protegge dall’aggressione di agenti esterni di natura chimica, fisica e biologica; ha una funzione termoregolatrice – attraverso le ghiandole sudoripare e la capacità di regolare il flusso sanguigno è in grado di controllare la dispersione di calore; controlla la perdita di liquidi e di elettroliti che avviene a seguito del processo di sudorazione; ha una funzione metabolica – la sintesi della vitamina D; è una riserva lipidica; ha una funzione sensoriale – la pelle è ricchissima di terminazioni nervose che consentono di percepire stimolazioni di vario genere, tattili, termiche, vibrazioni e sensazioni dolorose.

ragazza con lentiggini

Le tipologie di pelle


• Pelle normale: a livello fisiologico, la pelle normale non presenta alterazioni ed è dotata di un giusto grado di idratazione e di una buona microcircolazione. È liscia, ha un bel colorito ed è priva di imperfezioni.

• Pelle grassa: è irregolare al tatto, dall’aspetto oleoso e lucido, dal colorito spento e presenta varie imperfezioni.

• Pelle secca: visivamente questo tipo di pelle appare sottile, fragile, ruvida e dal colorito spento, talvolta presenta persino screpolature; è dotata di scarsa elasticità e tende ad invecchiare precocemente.

• Pelle mista: è caratterizzata dalla presenza di zone secche e che si alternano a zone grasse, in cui spesso sono visibili pori dilatati e punti neri – generalmente, queste ultime caratteristiche appartengono ad una precisa area del viso, la cosiddetta zona T, che comprende l'area del naso, della fronte e del mento.

• Pelle sensibile: è facilmente irritabile, sia in seguito alle aggressioni esterne che al contatto con sostanze, oppure a causa dell’azione di agenti fisici. Si tratta di una pelle fragile e anch’essa soggetta a mostrare precocemente i segni dell’invecchiamento.

Differenza fra pelle maschile e pelle femminile


Fisiologicamente, la pelle maschile è diversa da quella femminile.
Il testosterone determina le caratteristiche della pelle dell’uomo e le conferisce una struttura diversa da quella della donna. In generale, la pelle maschile – sia del viso che del corpo – è più spessa, mediamente del 20%; è più grassa, visto il maggior numero di ghiandole sebacee presenti e la loro attività raddoppiata rispetto alle ghiandole sebacee presenti nella pelle femminile; invecchia in modo diverso – per la precisione, invecchia più lentamente rispetto alla pelle delle donne, in virtù della presenza di una maggiore concentrazione di collagene; è più resistente per la presenza di una maggiore percentuale di fibre, che, però, la rende meno morbida di quella femminile.



Prenota ora la tua visita
Clicca per chiamare adesso il +393488919564
Chiama

oppure Invia la richiesta per fissare un appuntamento col Dott. Bertoloni,
verrai contattato dallo studio più vicino a te.